tostapane o tostiera

Tostapane o tostiera: quali sono le differenze

Tostapane o tostiera? Ecco quali sono tutte le differenze tra i due elettrodomestici che spesso vengono confusi, ma che hanno caratteristiche molto diverse tra loro.

Tostapane: a cosa serve?

Il tostapane, o tostapane da bar, può essere utilizzato solo ed esclusivamente per scaldare o abbrustolire. Strutturalmente il tostapane presenta una o più fessure verticali nelle quali vengono inserite le fette di pane, anche grazie al supporto di pinze. Quando si utilizza la terminologia “tostapane orizzontale” ci si riferisce ad una tostiera, in quanto il tostapane è verticale.

Piastra scalda panini vetroceramica

Tostiera: a cosa serve?

Esistono diversi tipi di tostiere da bar, per ristoranti, per alberghi. Si tratta di un elettrodomestico disposto orizzontalmente che presenta una o più piastre che, in base al modello, possono essere fisse o mobili. Le piastre delle tostiere sono riscaldanti. Per questo motivo la tostiera serve anche per cuocere cibi, come anche il pane: la struttura della tostiera può infatti ospitare panini più spessi rispetto al tostapane. Se la superficie è in vetroceramica, si può anche scottare verdure o fondere il formaggio.

Come pulire la tostiera? Con un detergente specifico! Scopri i prodotti di Forniture Alberghiere Shop cliccando qui.

Tostiera o tostapane?

Quindi meglio tostapane o tostiera? La scelta dipende dalle necessità che si hanno. Abbiamo visto che la tostiera differisce dal tostapane per utilizzo. Se si vogliono soltanto riscaldare fette di pane è meglio orientarsi verso un tostapane, se invece l’obiettivo è quello di scaldare panini alti, cuocere piadine e, oltre ai panini, preparare anche qualche cibo allora è meglio orientarsi verso l’acquisto di una tostiera.

Infine, è bene sottolineare che l’associazione “tostapane piastra” è errata. Infatti la piastra tostapane non è un tostapane, ma una tostiera, che essendo professionale permette di tostare e cuocere il pane direttamente su una piastra. 

tostiera professionale per toast 3 pinze

Come scegliere la migliore tostiera?

Esistono tante diverse piastre toast o tostiere, adatte a diversi tipi di esigenze. Infatti abbiamo visto che la tostiera, a differenza del tostapane, può avere diversi utilizzi. La piastra tostiera si divide in due macrocategorie:

1- piastre di cottura in ghisa liscie e/o rigate

2- piastre di cottura in vetroceramica liscie e/o rigate

Quali sono le differenze tra le tostiere in ghisa e le tostiere in vetroceramica?

Le tostiere in ghisa sono in grado di trattenere il calore ma sono più difficili da pulire. Le piastre in vetroceramica, invece, si raffreddano più velocemente e si puliscono in modo più facile. Inoltre esistono versioni trasparenti che aiutano a far penetrare meglio il calore.

Le macchine per toast sono ideali per la ristorazione veloce, producono dalle 180 alle 400 fette all’ora.

Le piastre per panini sono perfette per la ristorazione e per i fast food. Inoltre sono particolarmente adatte a panini alti.

Le tostiere in vetroceramica sono più indicate per realizzare prodotti esteticamente migliori.

Quale sarebbe, allora, la migliore tostiera per toast, detta anche piastra per toast?

C’è chi è abituato ad usare le pinze, con le resistenze al quarzo. Il limite è la fragilità di queste ultime. Alcuni usano per preparare il toast le piastre in ghisa. Che però pesano e arrugginiscono se non unte. La più recente scuola vede le tostiere in vetroceramica essere utilizzate anche per cuocere toast o tostoni farciti. Se per toast si intende la fetta di pane per la colazione in hotel esistono le tostiere con rullo. Quindi, tutto dipende, come detto all’inizio dall’utilizzo che si fa e da come si preferisce lavorare.

Se vuoi approfondire come scegliere le tostiere professionali da bar e come pulirle leggi l’articolo di Forniture Alberghiere Shop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *