Ricette impastatrice e planetaria

Prima di vedere le ricette con impastatrice è bene capire quali sono le differenze tra impastatrice e planetaria.

La planetaria è un tipo di impastatrice, meno economica e più versatile. L’impastatrice è molto utile per impastare pane e pizza. Una differenza importante la fanno anche le fruste, che vanno ad inficiare sull’impastamento.

Per approfondire le differenze tra impastatrice e planetaria leggi l’articolo di Forniture Alberghiere Shop!

Come usare l’impastatrice

L’impastatrice o planetaria è particolarmente utile per incorporare aria all’interno degli impasti. Per amalgamare bene gli impasti è bene seguire alcune regole.

Gli ingredienti appena inseriti all’interno della vasca hanno bisogno di essere mescolati a bassa velocità, per poi aumentarla gradualmente quando si sono incorporati tra loro. Di norma la velocità massima viene utilizzata solo in casi specifici, come per montare gli albumi con l’impastatrice.

Il tempo per impastare dipende invece dal tipo di prodotto che si vuole realizzare. Per pane e pizza bastano 10 minuti, come anche per montare tuorli e zucchero. Per muffin e altri dolci sono sufficienti 5 minuti mentre richiedono circa 20 minuti impasti più complessi e burrosi, come ad esempio quello per le brioches.

Clicca qui per tutte le planetarie di Forniture Alberghiere Shop.

Un suggerimento è quello di utilizzare ingredienti freddi, così da non riscaldare la vasca. Infatti, muovendosi, la frusta genera calore che, insieme ad altre fonti, può compromettere l’impasto.

Inoltre la scelta della frusta è fondamentale: la frusta a filo serve per mescolare impasti liquidi o semiliquidi, la frusta a foglia serve per impasti morbidi, come quelli dei dolci, mentre la frusta a gancio o spirale è ideale per pane e pizza, ovvero impasti più solidi. 

differenze planetaria e impastatrice

Ecco le nostre ricette per planetaria

Ecco le ricette per impastatrice planetaria di Forniture Alberghiere Shop. Le quantità dipendono sempre dal tipo di impastatrice che si ha intenzione di utilizzare. Le dosi per tutte le ricette con impastatrice di questo articolo sono minime, ovvero quelle adatte a preparazioni casalinghe.

Le dosi consigliate, di norma, sono indicate nel libretto di istruzioni dell’impastatrice professionale.

Come fare il pane con l’impastatrice

Esistono diverse macchine impastatrici per pane, da 5 kg a 30 kg. Questo dipende dalla quantità di prodotto che si vuole ottenere. Di norma è bene utilizzare la frusta a gancio per le ricette per pane con impastatrice, specialmente per produzioni industriali, come nel caso di panifici.

Fare il pane con impastatrice planetaria è semplicissimo. Gli ingredienti sono:

  • 250 ml di acqua
  • un pizzico di sale
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 500 g di farina manitoba
  • un cucchiaio di zucchero
  • mezzo cubetto di lievito di birra

Inserire gli ingredienti nella planetaria e impastare per una decina di minuti, prima a bassa velocità e poi a velocità media. Il composto, liscio, dovrà essere poi reimpastato velocemente con le mani, coperto con un canovaccio e lasciato a lievitare per un paio d’ore lontano da fonti di calore. Cuocere a 180 gradi per circa 20 minuti

Il pane con planetaria risulta morbido e soffice.

planetaria o impastatrice

Come fare la pizza con l’impastatrice

Esistono diverse macchine per impastare la pizza, come nel caso dell’impastatrice per pane. Il vantaggio dell’utilizzare l’impastatrice per pizza è che il prodotto finale risulta più morbido.

La frusta a spirale è perfetta per impasti idratati. In questo periodo, inoltre, è di moda avere impasti molto ricchi di aria, che sono maggiormente soffici. In questi casi l’impastatrice è fondamentale.

Ingredienti:

  • 500 grammi di farina 00
  • 1 cucchiaino e mezzo di sale
  • 310 ml di acqua
  • 3 gr di lievito di birra
  • 2 cucchiai di olio di oliva extravergine

Inserire nella planetaria il lievito, l’acqua e un po’ di farina ed azionare a bassa velocità. Aggiungere man mano gli altri ingredienti mentre l’elettrodomestico è in funzione e lasciar lavorare per una decina di minuti. Lasciar lievitare la pasta per 24/36 ore in una ciotola con un po’ d’olio d’oliva.

Cerchi un’impastatrice per pizza? Clicca qui.

Come fare dolci con l’impastatrice

Esistono diversi elettrodomestici per dolci, ma l’impastatrice professionale risulta particolarmente indicata per realizzare impasti soffici, in cui deve essere incorporata aria.

Fare dolci con planetaria è molto semplice e veloce. Questo strumento infatti è versatile e permette di realizzare molte ricette diverse. Tuttavia con gli impasti particolarmente burrosi, come quello delle brioches, bisogna avere delle attenzioni diverse rispetto a quelle che si osservano con altre ricette dolci con impastatrice, come il tempo di impastamento e la frusta da usare.

dolci fatti con la planetaria sono infatti soffici e morbidi. Inoltre la planetaria, con la frusta a filo, è perfetta per realizzare creme di decorazione, ripieni dolci e per montare uova e zucchero.

Inoltre fare dolci con l’impastatrice permette di risparmiare moltissimo tempo!

impastatrice be5 con prese k

Pan di spagna con impastatrice

Ingredienti:

  • 8 uova
  • 150 gr zucchero
  • 150 gr farina 00
  • sale q.b.

Inserire uova, zucchero e sale nella vasca e far andare a media velocità per 20 minuti. Rimuovere la vasca ed incorporare con una spatola la farina. Versare il composto in una teglia apribile e cuocere a 180 gradi per 35 minuti.

Meringa all’italiana con planetaria

Ingredienti:

  • 500 gr zucchero
  • 100 ml acqua
  • 250 gr di albumi

Far sciogliere 400 gr di zucchero e acqua con la frusta a filo. Alzare fino a 120 gradi così da pastorizzare anche l’uovo e raggiungere la temperatura con il controllo di un termostato. Tenere da parte il composto. Far schiumare gli albumi con lo zucchero avanzato all’interno della vasca a temperatura fissa, versare lo sciroppo tenuto da parte e far andare per 10 minuti. Utilizzare la meringa per decorare semifreddi, gelati e mousse.

Come fare pasta fresca planetaria

Non è buona norma fare la pasta fresca con la planetaria. L’impasto è duro, stagno e poco idratato.

Nemmeno aggiungere acqua all’impasto è una buona idea, perché in cottura fa risultare il prodotto viscido. Per fare la pasta è infatti consigliabile utilizzare una macchina per pasta fresca.

Se non si vuole rinunciare all’utilizzo della planetaria per fare la pasta fresca la si può usare per amalgamare inizialmente gli ingredienti, saltuariamente.

I ravioli sono un’eccezione. Infatti la pasta si asciuga prima quindi è meglio impastare a mano o con planetaria, ma sempre poco per non rovinare l’elettrodomestico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *