Friggitrice da banco professionale

La friggitrice da banco professionale è un’attrezzatura da cucina per ristoratori destinata a fare poca produttività e a contenere il consumo di olio.

Il lavoro che una friggitrice da banco professionale fa è molto diverso da quello di una friggitrice domestica. Per capacità, che spesso richiede l’installazione di una cappa, per tipologia di cesti, per il coperchio e perché di solito ha il rubinetto di scarico dell’olio per facilitare la pulizia.


friggitrice da banco professionale

Caratteristiche della friggitrice da banco professionale

Il materiale di costruzione è acciaio inox, con alcune componenti in plastica. Può essere ad una o due vasche, munita di coperchi con scanalatura per la manopola del cesto.

Le impostazioni di temperatura e tempo – raramente presente – è di solito manuale tramite manopole.

Sotto gli 8 litri, di norma, la friggitrice elettrica da banco professionale non ha rubinetto di scarico per l’olio.

Oggi esistono anche le friggitrici da banco induzione, che sono molto più veloci delle normali friggitrici elettriche.

Differenze tra friggitrice da banco professionale e friggitrice domestica

Cosa importantissima da considerare al momento dell’acquisto, che evita problemi di pulizia e distingue nettamente la friggitrice da banco professionale dalla friggitrice domestica è il rubinetto di scarico per l’olio. La differenza di costo c’è, inutile negarlo, ma il lavoro cambia totalmente e si abbattono i tempi per la pulizia.

Con la friggitrice da banco professionale serve la cappa d’aspirazione?

Molto spesso, avere una friggitrice da banco non implica la necessità di installare una cappa, anche se questo dipende molto dalle aziende sanitarie e dalle loro politiche. E’ possibile chiedere un parere preventivo, nel caso di un nuovo locale.

Sopra gli 8 litri è comunque consigliabile avere una cappa aspirante per evitare che si sporchino i muri vicino a dove è posizionata l’attrezzatura da cucina per ristoratori. Anche l’odore è un problema: potrebbe finire sull’operatore o, peggio ancora, in sala senza che ce ne si accorga. Questo succede anche con un uso sporadico ed è possibile perdere clienti anche così.

Va ricordato che bisogna avere le opportune autorizzazioni per poter effettuare la somministrazione di cibo cotto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *